Archivio - gennaio 2015

1
Terapia cognitivo-comportamentale: 5 tecniche per favorire la positività
2
Le esperienze condivise risultano amplificate
3
6 tecniche psicologiche per affrontare un colloquio di lavoro
4
Le avversità infantili potenziano gli effetti negativi dello stress in età adulta
5
Smettere di preoccuparsi con due semplici domande

Terapia cognitivo-comportamentale: 5 tecniche per favorire la positività

I pensieri negativi possono ostacolare o rallentare il miglioramento degli stati depressivi, e la ragione è ovvia: se si hanno dei pensieri negativi, è più probabile sentirsi depressi. Ma ciò che è meno ovvio è il modo in cui le persone depresse affrontano le emozioni positive. I ricercatori hanno da tempo fatto una sorprendente scoperta: le[…]

Continua a leggere...

Le esperienze condivise risultano amplificate

Immaginate di bere un caffè da soli, al bancone di un bar, magari durante una pausa dal lavoro. Immaginate ora di trovarvi sempre davanti al bancone di un bar, ma di bere un caffè insieme ad un vostro amico o al partner. In entrambi i casi state bevendo un caffè, ma nella seconda situazione state condividendo[…]

Continua a leggere...

6 tecniche psicologiche per affrontare un colloquio di lavoro

Affrontare un colloquio di lavoro Per affrontare un colloquio di lavoro, certamente sono fondamentali la preparazione e la competenza personale. Al di là di questo aspetto imprescindibile, occorre però considerare altri aspetti più “silenti” ma ugualmente importanti. Non dobbiamo dimenticare, infatti, che un colloquio di lavoro è innanzitutto una breve relazione interpersonale tra persone sconosciute.[…]

Continua a leggere...

Le avversità infantili potenziano gli effetti negativi dello stress in età adulta

Molti studi hanno già dimostrato che le esperienze negative vissute durante l’infanzia incrementano non solo la probabilità di sviluppare in seguito problemi di ansia, depressione e abuso di sostanze, ma anche la probabilità di sviluppare problemi fisici, come malattie cardiovascolari, tumori e malattie polmonari croniche. Ciò perché le circostanze negative vissute durante l’infanzia attivano a livello massiccio[…]

Continua a leggere...

Smettere di preoccuparsi con due semplici domande

Quando le preoccupazioni divengono eccessive Le preoccupazioni fanno parte la vita di molti. Nei casi meno gravi  si tratta di meccanismi psicologici che risultano funzionali, dal  momento che ci aiutano a fronteggiare meglio le situazioni e a pianificare in anticipo le cose in modo da evitare problemi in futuro. Quando preoccuparsi però diventa uno stile[…]

Continua a leggere...

Copyright © 2016 dott. Andrea Epifani - Psicologo Bologna

Via Giuseppe Mazzini, 82 40138 Bologna, Emilia Romagna
Telefono: 389 044 3350
P. Iva n. 03405501200

Vuoi ricevere nuovi contenuti esclusivi?

Iscriviti alla newsletter GRATUITA e SENZA SPAM

Grazie!

Controlla la tua mail per completare l'iscrizione.

Nuovi contenuti esclusivi sulla tua mail

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Grazie per esserti iscritto

Controlla la tua mail per completare l'iscrizione

Send this to friend