Ecco 5 motivi per cui siamo ansiosi o depressi

Secondo un recente studio inglese, gli eventi traumatici sono la principale causa dell’ansia e della depressione. Tuttavia la probabilità che una persona sviluppi ansia o depressione dipende dall’assetto mentale col quale fronteggiamo questi eventi negativi.

La ricerca ha coinvolto oltre 32.000 adulti di tutte le età, i quali hanno compilato un questionario riguardante la presenza o meno di problemi psicologici in famiglia, il livello di reddito e di educazione, l’aver vissuto eventi traumatici, lo stato delle relazioni sociali e la situazione sentimentale.

I risultati indicavano che la principale causa di ansia e depressione era rappresentata da eventi traumatici (abuso, bullismo o stress in età adulta). A seguire, la seconda causa era rappresentata dallo status sociale (istruzione e reddito) e dalla presenza di problemi psicologici in famiglia. Riguardo a quest’ultimo aspetto, gli autori sottolineano come la trasmissione di ansia e depressione all’interno della famiglia non necessariamente chiami in causa fattori genetici. Si tratta infatti di aspetti che hanno un’alta probabilità di venire appresi all’interno delle dinamiche familiari.

Questi fattori hanno però più probabilità di causare sintomi ansiosi o depressivi se la persona ha la tendenza a reagire ad essi con queste tre modalità negative:

  1. Ruminazione mentale, ovvero ripetere costantemente agli stessi pensieri negativi (a questo proposito, potrebbe interessarti l’articolo cinque modi per affrontare le preoccupazioni);
  2. Mancanza di strategie di adattamento funzionali, ad esempio non chiedere supporto agli altri, mangiare male e non riuscire ad anticipare gli stress futuri;
  3. Tendenza ad auto-incolparsi. Si tratta di uno degli stili psicologici più dannosi. Al contrario, l’autoaccettazione è una modalità più positiva e favorisce il benessere psicologico.

Il professor Peter Kinderman, uno degli autori dello studio, afferma che:

Se da una parte sappiamo che la genetica e le circostanze di vita contribuiscono ai problemi psicologici, i risultati hanno rilevato che gli eventi traumatici sono la principale causa di ansia e depressione.

Tuttavia, le modalità con le quali le persone pensano e fronteggiano gli eventi stressanti sono l’indicatore di quanto esse sono ansiose o depresse.

Ovviamente non possiamo cambiare la storia familiare o di vita di una persona, possiamo però aiutarla a cambiare le sue modalità di pensiero e insegnare strategie di fronteggiamento più positive, che mitighino e riducano il livello di stress.

Fonte: http://www.spring.org.uk/2014/09/the-5-biggest-reasons-people-get-anxious-or-depressed.php
Image credits: stockimages (author), www.freedigitalphotos.net (site)
Ecco 5 motivi per cui siamo ansiosi o depressi
4.17 (83.33%) 6 votes

Chi sono

dott. Andrea Epifani - Psicologo Bologna
dott. Andrea Epifani - Psicologo Bologna

Sono psicologo, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale e dottore di ricerca.

Oltre a lavorare nel mio studio privato a Bologna, sono professore universitario a contratto di "Psicologia clinica" presso l'Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo".

Le mie aree di intervento riguardano principalmente i vari disturbi d'ansia (attacchi di panico, disturbi ossessivo-compulsivi, fobia sociale...), i disturbi dell'umore e le problematiche relazionali.

Per appuntamenti o informazioni:
Studio: Bologna, Via Mazzini 82.
Tel.: 389-0443350
Mail: andreaepifani@gmail.com
Sito: http://BolognaPsicologo.net

Copyright © 2017 dott. Andrea Epifani - Psicologo Bologna

Via Giuseppe Mazzini, 82 40138 Bologna, Emilia Romagna
Telefono: 389 044 3350
P. Iva n. 03405501200

Vuoi ricevere nuovi contenuti esclusivi?

Iscriviti alla newsletter GRATUITA e SENZA SPAM

Newsletter sicura. Il tuo indirizzo non sarà divulgato a terzi né utilizzato per spam o altro

Grazie!

Controlla la tua mail per completare l'iscrizione.

Vuoi ricevere nuovi contenuti esclusivi?

Iscriviti alla newsletter GRATUITA e SENZA SPAM

Newsletter sicura. Il tuo indirizzo non sarà divulgato a terzi né utilizzato per spam o altro

Grazie!

Controlla la tua mail per completare l'iscrizione.

Grazie per aver condiviso l'articolo. Seguimi anche sui principali social networks!

Send this to a friend