Le donne rendono il team più produttivo

Donne in team

Numerosi studi hanno dimostrato che i team composti da donne e da uomini sono più produttivi ed efficienti dei team composti da persone dello stesso sesso. Le ricerche che hanno individuato questo effetto positivo della diversità di genere si sono però concentrate su team che lavorano interagendo faccia a faccia.

Ma cosa succede quando un team lavora su una piattaforma online nella quale l’identità (e quindi anche il sesso) degli altri membri è tenuta nascosta?

Fino ad oggi questa domanda era una questione aperta. L’ipotesi prevalente era che l’effetto della diversità di genere svanisse in contesti di anonimato, portando sia i team diversificati che i team di sole donne o soli uomini ad essere ugualmente produttivi.

In base a uno studio pubblicato su Computers in Human Behavior, però, questa ipotesi è errata. E con buona pace di noi uomini, bisogna ammettere che le donne aumentano la produttività del team anche nei casi in cui il loro sesso è tenuto nascosto agli altri membri.

I ricercatori hanno studiato 37 team composti da tre studenti ognuno. Ogni team variava in base al numero di donne al suo interno (0, 1, 2 e 3).

I team operavano online attraverso la piattaforma wiki ed ogni settimana veniva loro assegnato un compito da svolgere collaborando online. La piattaforma era strutturata in maniera tale che i membri potessero comunicare tra loro tramite commenti, senza però conoscere il sesso degli altri partecipanti al gruppo. Si trattava quindi di una collaborazione puramente anonima.

I risultati indicavano che la produttività ed efficienza dei vari team aumentavano proporzionalmente al numero di donne presenti al suo interno. Detto in altre parole, i team composti da soli uomini producevano meno, e la produttività aumentava nei team con 1 o 2 donne, fino ad essere massima nei gruppi composti esclusivamente da donne.

È interessante notare che, se veniva considerata la performance individuale delle donne, questa non era superiore a quella dei colleghi uomini. Tuttavia il loro effetto complessivo sull’intero team era di aumentarne la produttività.

I ricercatori ipotizzano che la chiave di questo fenomeno sia nel diverso stile di partecipazione in gruppo da parte delle donne. Analizzando i commenti e gli scambi tra i membri, emergeva infatti che le donne agivano in maniera più cooperativa. In particolare, i commenti da parte delle donne erano più costruttivi e stimolavano maggiori discussioni di gruppo, col risultato di aumentare la collaborazione e migliorare la capacità di problem solving del team, sia a livello qualitativo che quantitativo.

Oggi l’impiego delle piattaforme online per lavorare o studiare in gruppo è sempre più diffuso. Risultati come questo potrebbero ad esempio essere presi in considerazione dai coordinatori, in modo da strutturare team di lavoro che siano più produttivi.

Immagine post: Designed by Freepik
Le donne rendono il team più produttivo
5 (100%) 2 votes

Chi sono

dott. Andrea Epifani - Psicologo Bologna
dott. Andrea Epifani - Psicologo Bologna

Sono psicologo, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale e dottore di ricerca.

Oltre a lavorare nel mio studio privato a Bologna, sono professore universitario a contratto di “Psicologia clinica” presso l’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”.

Le mie aree di intervento riguardano principalmente i vari disturbi d’ansia (attacchi di panico, disturbi ossessivo-compulsivi, fobia sociale…), i disturbi dell’umore e le problematiche relazionali.

Per appuntamenti o informazioni:
Studio: Bologna, Via Mazzini 82.
Tel.: 389-0443350
Mail: andreaepifani@gmail.com
Sito: http://BolognaPsicologo.net

Copyright © 2017 dott. Andrea Epifani - Psicologo Bologna

Via Umberto Giordano, 11 40141 Bologna, Emilia Romagna
Telefono: 389 044 3350
P. Iva n. 03405501200

Vuoi ricevere nuovi contenuti esclusivi?

Iscriviti alla newsletter GRATUITA e SENZA SPAM

Newsletter sicura. Il tuo indirizzo non sarà divulgato a terzi né utilizzato per spam o altro

Grazie!

Controlla la tua mail per completare l'iscrizione.

Grazie per aver condiviso l'articolo. Seguimi anche sui principali social networks!

Send this to a friend