8 passi per creare un nuovo metodo di guarigione e arricchirsi

 


DISCLAIMER

In questo articolo si è volutamente utilizzato un tono sarcastico


 

Lo avrai notato anche tu. Navigando in internet o scorrendo la home di Facebook capita sempre più spesso di imbattersi in nuovi metodi di cura. Si va dai percorsi contro lo stress ai metodi che permettono di guarire il corpo grazie al potere della mente o alla connessione con la propria parte spirituale.

Ovviamente si tratta di percorsi a pagamento, e spesso non si parla neanche di spiccioli. Ma (lo sappiamo), quando si tratta della salute non bisogna badare a spese, soprattutto se ci vengono promesse guarigioni miracolose.

Hai fiutato l’affare? Immagino di sì. E allora perché non ti butti anche tu in questa nuova forma di marketing online? Ti assicuro che se ti muoverai bene, seguendo i consigli che ti darò, potrai guadagnare quasi quanto un medico, e sfiderai temerario la crisi economica nella quale siamo impantanati da anni.

A proposito di medici, prima di spiegarti i passi da seguire voglio subito tranquillizzarti su un aspetto. Lo so che starai pensando: “come faccio a creare un percorso di cura se non sono un medico?”. Ho una buona notizia per te: essere medici non serve! E ho un’altra buona notizia per te: non serve nemmeno essere psicologi!

Proprio così, hai capito bene. Potrai proporre una nuova forma di terapia, venderla al pubblico e guadagnarci sopra… senza essere né medico né psicologo.

Figo vero? Ti proporrai come guaritore senza aver passato un solo giorno in un’aula universitaria. Cosa c’è di più bello e facile?

Certo, per seguire i consigli che ti darò dovrai abbandonare qualsiasi scrupolo. In fondo il tuo obiettivo è guadagnare, giusto? Allora concentriamoci su questo e al diavolo gli scrupoli!

Ricorda che vanno per la maggiore i percorsi per combattere ansia, stress e malattie psicosomatiche. E il tuo obiettivo sarà soprattutto quello di portare il potenziale acquirente a credere che la causa di ogni patologia fisica risiede unicamente nella nostra mente.

Ok, ma veniamo al dunque. Quali sono i passi da seguire per diventare ricchi grazie a queste nuove forme di cura?

Vediamoli insieme.

1# Guarigioni miracolose

4265069199_ae2b94097bCome prima cosa devi distinguerti radicalmente dalla medicina e dalla psicologia ufficiale. La medicina e la psicologia, infatti, seguono un approccio scientifico e non proporranno mai guarigioni miracolose.

Se vuoi invece arricchirti con il tuo metodo di guarigione, dovrai adottare dei toni eclatanti e convincere il cliente che seguendo il tuo metodo noterà risultati mai visti prima.

Slogan del tipo: “ecco la soluzione definitiva”, oppure “guarigione immediata” possono andare. Molte persone non si porranno il problema e non si chiederanno se si tratta di una bufala, te lo garantisco.

Inoltre in questo modo potrai fare leva su quelle persone che vivono una fase critica della propria vita, che magari non stanno ancora ottenendo risultati con la medicina ufficiale e vivono in uno stato di sofferenza. Queste persone si trovano in una fase di vulnerabilità, ed è soprattutto su queste che devi spingere.

Essere in uno stato di profonda sofferenza e vulnerabilità ci rende meno in grado di decidere adeguatamente e di discernere le terapie serie dalla fuffa: approfittane!

2# Il potere della mente

14601014695_dd8c815c39_oUno dei metodi per proporre nuovi e miracolosi percorsi di guarigione è quello di appellarsi al potere sconfinato della mente.

Fare leva sulla credenza comune che usiamo soltanto il 10% del cervello è un’ottima strategia. È una falsa credenza, smentita dalla scienza ufficiale, ma la maggior parte delle persone continuano a credere che il cervello potrebbe fare cose mai viste prima, se solo riuscisse a lavorare al 100%.

Ecco, tu dovrai proporre nel tuo percorso di guarigione un metodo per usare capacità cerebrali normalmente non utilizzate. Capacità che permetteranno quindi di guarire da ogni sorta di patologie senza assumere cure farmacologiche e senza seguire percorsi psicoterapeutici.

È molto importante questo aspetto, non dimenticarlo.

3# L’inconscio

meditation-278793_640Il metodo migliore per convincere la gente che il tuo metodo di cura sfrutta capacità del cervello mai viste prima è quello di appellarsi all’inconscio.

È una strategia infallibile, in quanto quando parliamo di inconscio in questo modo ci riferiamo a un concetto difficile da smentire. Potrai quindi fare le tue affermazioni più strampalate difendendoti da eventuali critiche con la famosa frase: “dimostrami che quello che dico non è vero” (ma sul difendersi dalle critiche ti dirò di più in seguito).

La maggior parte delle persone non sa che la differenza tra la scienza e la pseudo-scienza risiede proprio nel fatto che la prima propone concetti che possono essere smentiti dall’esperienza empirica, mentre il tuo modo di parlare dell’inconscio è non falsificabile, quindi non scientifico.

Il concetto scientifico di inconscio, sistematizzato inizialmente con la psicoanalisi e oggi studiato anche attraverso metodologie più sofisticate, è ovviamente molto diverso da quello che userai tu.

Per inconscio (quello vero) intendiamo l’insieme delle esperienze infantili rappresentate nella nostra mente sotto forma di schemi che lavorano al di fuori della nostra consapevolezza. Se ad esempio ho ripetutamente avuto esperienza di un genitore svalutante nei miei confronti, strutturerò a livello inconscio una rappresentazione di me come persona non di valore e degli altri come svalutanti, con tutte le emozioni che questo schema relazionale comporta.

Ma ricorda: tu non dovrai parlare dell’inconscio in questo modo. Questo lo fanno gli psicologi, e tu non lo sei. Piuttosto, dovrai parlare della mente inconscia come di quel luogo dove tutto è possibile, persino le guarigioni più miracolose.

Il tuo scopo sarà porre la persona al centro di tutto: slogan come “la guarigione dipende da te” possono rendere bene l’idea. Dovrai proporre un percorso in grado di portare la persona all’autoguarigione, sfruttando il potere della sua mente inconscia e della sua consapevolezza.

4# La fisica quantistica

CMS_Higgs-eventNon puoi fare a meno di citare la fisica quantistica, credimi, a meno che non vorrai creare un metodo di guarigione fallimentare.

Il concetto di inconscio e di potere della mente dovrai giustificarlo con qualcosa che possa apparire a prima vista scientifico: la fisica quantistica ti viene in soccorso.

Se ci fai caso, tutti i percorsi di cura alternativi citano la fisica quantistica e utilizzano l’aggettivo “quantico”: ci sarà un motivo. La ragione è che essa serve per condire il nostro discorso di presunta scientificità e renderlo più “cool” (o para-cool…).

Tranquillo, non dovrai essere un fisico teorico, esattamente come non dovrai essere medico o psicologo. Tanto la maggior parte delle persone non sanno che la fisica quantistica è una scienza che spiega lo strano comportamento delle particelle di dimensione atomica o sub-atomica, e che è fondamentalmente anti-scientifico trasportare questi concetti alla materia macroscopica.

Dovrai quindi giustificare ogni affermazione parandoti con l’ombrello della meccanica quantistica, ad esempio affermando

“la fisica quantistica ci insegna che siamo fatti di energia”

oppure

“in base ai principi della fisica quantistica, possiamo dire che la malattia è determinata da uno squilibrio energetico”

o ancora

“la guarigione deve passare attraverso un nuovo equilibrio quantico”

Lo senti come suonano bene? Ovvio che, come dicevo prima, il tuo target di riferimento non è il ricercatore del dipartimento di fisica dell’Università X, ma le persone vulnerabili e sensibili alle promesse. Ed è proprio su queste persone che gli aggettivi “quantico”, “quantistico”, “energetico”, possono sortire un effetto incredibile e gonfiare a dismisura il tuo conto corrente.

5# Un po’ di complottismo aiuta

Cloister_Conspiracy_by_Philip_Jackson_(3)Ovviamente dovrai porti in antitesi alla medicina ufficiale, anzi criticarla. Solo in questo modo il tuo percorso di guarigione acquisirà prestigio agli occhi di chi ha poca capacità di distinguere i fatti dalle bufale, per ragioni culturali o dovute a fragilità emotiva.

Affidati al complottismo. Con la crescita di internet, sono cresciute anche le innumerevoli teorie complottiste su presunti disegni massonici architettati da persone che hanno interesse a farci stare peggio.

Cavalca quest’onda!

Informa i tuoi potenziali clienti del fatto che la medicina ufficiale non si prende realmente cura della tua salute e che cura soltanto al 5%, mentre tu proponi una guarigione a 360° e più salutare.

Cita a sproposito studi sulla dannosità dei vaccini o cose di questo genere: la gente spesso ne va ghiotta.

Il tuo scopo è quello di creare un nemico (in questo caso la medicina ufficiale) e di proporti come unica soluzione per difendersi da questo mostro. È una strategia vincente, credimi.

Cerca di instillare nel potenziale cliente l’impressione che tu gli stia rivelando una verità fondamentale. Solo quando il cliente penserà “fino ad ora mi hanno sempre preso in giro” avrai raggiunto il tuo obiettivo. A quel punto sei a un passo dal vendere il tuo prodotto.

6# Zittisci le critiche

3976614604_2e978cbe2a_oOvviamente dovrai creare una pagina Facebook del tuo metodo di guarigione e raccogliere quanti più “Mi piace” possibile.

Con l’aumentare della tua notorietà, però, aumenteranno anche le probabilità che qualcuno ti critichi, magari commentando un tuo post sul potere dell’acqua energizzata. Non avere pietà: cancella immediatamente quei commenti e blocca chi li ha scritti.

L’errore peggiore che puoi fare è quello di rispondere a questa gente e instaurare una discussione. Ricorda che il tuo metodo non è scientifico e non puoi discuterne normalmente come si farebbe con una qualsiasi forma di terapia. Stai proponendo una forma di cura che si basa su energie e poteri strani dell’inconscio, per cui non potrai mai averla vinta su chi la butta sul razionale.

Ecco perché con questa gente non dovrai avere a che fare. Stanne lontano, fai conto che abbiano la peste!

La tua pagina Facebook sembrerà priva di critiche e ti risparmierai la fatica di dover giustificare le tue affermazioni. Prova a pensare se a commentare fosse uno psicoterapeuta esperto, un primario del reparto di neurologia o un professore universitario di fisica: non ne verresti mai a capo.

7# Un bel disclaimer che solo Sherlock Holmes troverebbe

previewPrima ti ho spiegato che non dovrai essere né psicologo né medico per proporti come fautore di una nuova forma di cura. Però per fare le cose per bene dovrai inserire da qualche parte sul tuo sito un disclaimer con scritto qualcosa del genere:

Questo metodo non sostituisce le cure mediche tradizionali e non permette di fare diagnosi. Rivolgiti sempre al tuo medico.

Ma ricorda: dovrai inserirlo in un punto del tuo sito dove l’1% dei tuoi visitatori andrà a leggerlo, altrimenti crollerà tutto il tuo business. Non puoi infatti vendere grazie a un nuovo metodo di cura, da te appositamente ideato, e allo stesso tempo mettere in guardia sul fatto che si tratta di terapie non riconosciute. Nessuno ti darebbe mai dei soldi, ovvio. Inserire il disclaimer, però, ti proteggerà a livello legale e tutti sono felici e contenti.

Il mio consiglio, quindi, è di inserirlo in fondo alla pagina e scritto in piccolo, come se fosse un’informazione di poco conto. Ti assicuro che nessuno se ne accorgerà, a meno che tra i tuoi potenziali clienti non ci sarà un investigatore ossessivo abituato a scrutare ogni singolo dettaglio. E una persona di questo genere difficilmente avrebbe pagato per il tuo percorso di cura, quindi il danno è pari a zero.

8# Testimonianze come se piovesse

9688948756_99414e2098_oIl tuo sito e la tua pagina Facebook dovranno essere pieni di testimonianze in bella vista nelle quali i tuoi clienti raccontano di come la loro vita è cambiata radicalmente dal giorno in cui hanno incontrato il tuo metodo. Senza testimonianze non avvierai un marketing vincente in quest’ambito.

Ovvio che non dovranno essere reali. Cosa ci vuole a chiedere a un amico o conoscente di scrivere qualcosa sul tuo sito? Oppure potrai scriverle tu stesso sulla tua pagina web e firmarti con altro nome.

Testimonianze di questo tipo spingeranno le persone a crederti e a ritenere autorevole quello che dici.


Bene, come avrai visto si tratta di un articolo semiserio in cui parlo di un problema reale. Vedere percorsi di guarigione strampalati e soprattutto molto seguiti mi ha portato a scrivere questo articolo.

Ricorda: chi propone guarigioni miracolose e pubblicizza il suo metodo di cura con slogan sensazionalistici è al 99% un ciarlatano. Affidati a professionisti riconosciuti (medici, psicologi, psicoterapeuti…) per qualsiasi problema di salute.

Ecco alcuni articoli che potrebbero aiutarti ad approfondire questi aspetti:

http://www.glistatigenerali.com/psicologia/se-la-psico-fuffa-entra-in-ospedale/

http://www.cicap.org/emilia/quantistico-basta-la-parola/

8 passi per creare un nuovo metodo di guarigione e arricchirsi
4.2 (84%) 5 votes

Chi sono

dott. Andrea Epifani - Psicologo Bologna
dott. Andrea Epifani - Psicologo Bologna

Sono psicologo, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale e dottore di ricerca.

Oltre a lavorare nel mio studio privato a Bologna, sono professore universitario a contratto di "Psicologia clinica" presso l'Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo".

Le mie aree di intervento riguardano principalmente i vari disturbi d'ansia (attacchi di panico, disturbi ossessivo-compulsivi, fobia sociale...), i disturbi dell'umore e le problematiche relazionali.

Per appuntamenti o informazioni:
Studio: Bologna, Via Mazzini 82.
Tel.: 389-0443350
Mail: andreaepifani@gmail.com
Sito: http://BolognaPsicologo.net

Un commento

Commenta l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Copyright © 2017 dott. Andrea Epifani - Psicologo Bologna

Via Giuseppe Mazzini, 82 40138 Bologna, Emilia Romagna
Telefono: 389 044 3350
P. Iva n. 03405501200

Vuoi ricevere nuovi contenuti esclusivi?

Iscriviti alla newsletter GRATUITA e SENZA SPAM

Newsletter sicura. Il tuo indirizzo non sarà divulgato a terzi né utilizzato per spam o altro

Grazie!

Controlla la tua mail per completare l'iscrizione.

Vuoi ricevere nuovi contenuti esclusivi?

Iscriviti alla newsletter GRATUITA e SENZA SPAM

Newsletter sicura. Il tuo indirizzo non sarà divulgato a terzi né utilizzato per spam o altro

Grazie!

Controlla la tua mail per completare l'iscrizione.

Grazie per aver condiviso l'articolo. Seguimi anche sui principali social networks!

Send this to a friend