Geni e ambiente: quanto apprendiamo e quanto ereditiamo?

Quante volte, riferendoci alla personalità di un nostro amico o conoscente, abbiamo detto “ha preso molto da suo padre”? Anche nei confronti di noi stessi spesso ci viene naturale fare questi accostamenti.

Ma “aver preso dai nostri genitori” significa aver ereditato geneticamente dei tratti di personalità oppure averli appresi nel corso della nostra interazione con loro?

È una delle domande più comuni, da quando è stato scoperto il DNA e il ruolo dell’ereditarietà nell’espressione di molte caratteristiche fisiche e psicologiche. Il dibattito natura vs ambiente è uno degli aspetti affascinanti dello studio dell’essere umano, e coinvolge biologia, psicologia, sociologia e antropologia.

Per rispondere dal punto di vista scientifico a questa domanda, lo strumento ad oggi più importante è quello degli studi sui gemelli monozigoti. Essi, infatti, condividono il 100% del patrimonio genetico, a differenza dei gemelli eterozigoti che condividono solo il 50% dei geni, esattamente come tra fratelli.

Gli studi sui gemelli permettono di stimare il peso dell’ereditarietà di caratteristiche fisiche, della personalità e delle patologie. Quanto più, infatti, una caratteristica è dipendente dai geni ereditati, tanto più sarà alta la probabilità che entrambi i gemelli mostreranno quella caratteristica. Al contrario, una caratteristica poco dovuta a fattori genetici sarà osservata con meno probabilità in entrambi i gemelli.

Negli scorsi 50 anni sono state condotte numerose ricerche di questo tipo, che complessivamente hanno coinvolto 14.5 milioni di coppie di gemelli.

Un recente studio pubblicato su Nature Genetics ha preso in considerazione tutti questi risultati accumulati nel tempo, confrontando tra loro i dati e cercando di arrivare a una stima complessiva del peso dell’ereditarietà relativamente a 17804 caratteristiche, inclusa la depressione e il consumo di tabacco. Si tratta del più ampio studio sulla variazione delle caratteristiche individuali ad oggi condotto.

I risultati hanno dimostrato chiaramente che, in media, le varie caratteristiche erano dovute per il 49% ai geni e per il 51% all’ambiente. Geni e ambiente influiscono quindi allo stesso modo nell’espressione delle nostre caratteristiche: una sostanziale parità.

Considerando singolarmente le varie caratteristiche emergevano tuttavia della variazioni. Per quanto riguarda il disturbo bipolare e la schizofrenia, ad esempio, lo studio ha stimato un’ereditarietà più alta (70%), con un 30% dovuto a fattori ambientali. Al contrario, i valori sociali erano per il 70% modellati dall’ambiente e per il 30% dovuti all’ereditarietà genetica.

Come spiega il dott. Beben Benyamin, uno degli autori dello studio,

i risultati suggeriscono che è scorretto pensare all’essere umano secondo un’ottica natura vs ambiente, mentre è più opportuno ragionare in termini di natura e ambiente

Lo studio ha anche rilevato che nel 69% dei casi la concordanza tra i gemelli era dovuta unicamente all’effetto cumulativo delle differenze genetiche, piuttosto che a una vera e propria ereditarietà.

Vuoi scoprire quanto geni e ambiente influiscono sulle singole caratteristiche?

Se sei curioso di scoprire il peso genetico e ambientale delle singole caratteristiche, puoi farlo tramite uno strumento online messo a disposizione dai ricercatori dello studio. Le numerose caratteristiche sono state classificate raggruppandole in 28 domini più ampi. La risorsa online permette quindi di selezionare la caratteristica che ci interessa e visualizzare quanto, in base agli studi effettuati finora, essa è dovuta ai geni o all’ambiente.

Provando ad esempio a visualizzare la concordanza tra gemelli per quanto riguarda i disturbi psichiatrici, ecco cosa ci restituisce il database:

Natura e ambiente nei disturbi psichiatrici

Come si può vedere, la concordanza tra gemelli monozigoti (prima riga sopra) è del 55%, mentre tra gemelli eterozigoti (e quindi anche tra fratelli) è del 31%.

La risorsa è disponibile a questo indirizzo.

Lettura consigliata

Gemelli. I geni, l'ambiente e il mistero dell'identità

Se vuoi approfondire quest’area affascinante della scienza, ovvero gli studi sui gemelli, una lettura semplice e avvincente è data dal libro di Lawrence Wright Gemelli. I geni, l’ambiente e il mistero dell’identità.

Image credit: designed by Freepik
Geni e ambiente: quanto apprendiamo e quanto ereditiamo?
5 (100%) 1 vote

Chi sono

dott. Andrea Epifani - Psicologo Bologna
dott. Andrea Epifani - Psicologo Bologna

Sono psicologo, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale e dottore di ricerca.

Oltre a lavorare nel mio studio privato a Bologna, sono professore universitario a contratto di "Psicologia clinica" presso l'Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo".

Le mie aree di intervento riguardano principalmente i vari disturbi d'ansia (attacchi di panico, disturbi ossessivo-compulsivi, fobia sociale...), i disturbi dell'umore e le problematiche relazionali.

Per appuntamenti o informazioni:
Studio: Bologna, Via Mazzini 82.
Tel.: 389-0443350
Mail: andreaepifani@gmail.com
Sito: http://BolognaPsicologo.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Copyright © 2016 dott. Andrea Epifani - Psicologo Bologna

Via Giuseppe Mazzini, 82 40138 Bologna, Emilia Romagna
Telefono: 389 044 3350
P. Iva n. 03405501200

Vuoi ricevere nuovi contenuti esclusivi?

Iscriviti alla newsletter GRATUITA e SENZA SPAM

Grazie!

Controlla la tua mail per completare l'iscrizione.

Nuovi contenuti esclusivi sulla tua mail

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Grazie per esserti iscritto

Controlla la tua mail per completare l'iscrizione

Grazie per aver condiviso l'articolo. Seguimi anche sui principali social networks!

Send this to friend